12 foto per ispirarti a vedere Forte Montecchio Nord a Colico

12 foto Forte Montecchio
12 foto Forte Montecchio
Accesso ai cannoni di Forte Montecchio
Accesso ai cannoni di Forte Montecchio
Cannone Forte Montecchio
Cannone Forte Montecchio
Cartina Forte Montecchio
Cartina Forte Montecchio
Corridoio Forte Montecchio
Corridoio Forte Montecchio
Dormitorio della truppa
Dormitorio della truppa
Entrata Forte Montecchio
Entrata Forte Montecchio
Il panorama da Forte Montecchio
Il panorama da Forte Montecchio
Infermeria Forte Montecchio
Infermeria Forte Montecchio
Ingresso alla sala delle torri- Forte Montecchio
Ingresso alla sala delle torri- Forte Montecchio
Interfono - Forte Montecchio
Interfono – Forte Montecchio
La corte di Forte Montecchio
La corte di Forte Montecchio
Tunnel Forte Montecchio
Tunnel Forte Montecchio

Immagina la scena. Indossi un’uniforme tedesca, epoca seconda guerra mondiale. Stai spingendo un carrello carico di polvere da sparo in un corridoio sotterraneo. D’un tratto ti accorgi che qualcuno, quatto quatto, sta piazzando candelotti esplosivi, tirando a dovere il filo sottilissimo e legandolo al detonatore. Ti nascondi dietro un pilastro, lo osservi senza fiatare e scopri chi è. Niente meno che Clint Eastwood.

Scusa ma non potevo farne a meno. Quando ho visitato Forte Montecchio mi sembrava di essere sul set di “Dove osano le aquile”. Cioè? Un film di guerra, forse non uno dei più visti, ma che io non potevo non guardare (più volte) dato che ho letto alle medie il libro da cui è tratto.

A Forte Montecchio non è stato girato alcun film (non ancora), ma è stato il set di un momento di storia importantissimo per tutto il mondo:la Prima Guerra Mondiale.

Non quella che si legge sui libri di storia, a scuola. Non quella dei grandi nomi, di Francia, Impero Austro-ungarico, Inghilterra, Francesco Giuseppe, Wilson o Nicola II. Ma quella di tanti comuni soldati, che vivevano ogni giorno servendo la patria ed il Forte. Che avevano poco tempo per ammirare (come ho fatto io) la bellezza del Lago di Como, proprio lì dove nasce. Che dormivano in stanzoni umidi e freddi scavati sotto la roccia.

Che la guerra ed il fronte lì non siano mai arrivati poco importa. A noi interessa il grande patrimonio che abbiamo la fortuna di visitare, la fortezza della Prima Guerra Mondiale meglio conservato in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *